TIPS&CHIPS | Online la guida per disegnatori scaricabile gratuitamente

“Il chiaroscuro può essere concepito come la dinamica nella musica”

da “Tips&Chips. Consigli gustosi per disegnatori golosi, pag. 18, par. 5 – Coloratura e tratteggio”.

foto guida web

Questo e altri consigli gustosi sono contenuti nella speciale guida che abbiamo preparato per voi. Pratica, leggera, responsive, gratuita. Consultala facilmente su tutti i device come computer, tablet e smartphone. Portala con te ovunque questa estate, e non perderai un giorno per migliorare la tua tecnica!

Scaricala subito cliccando a questo link: http://www.24hdrawinglab.com/scarica-la-guida-gratuita.html o cliccando sull’immagine 🙂

Buona lettura!

Annunci

24H Drawing Lab ospite a RadioRadio 104.5

Cari disegnatori,

Le due facce buffe di 24H Drawing Lab sono state invitate in radio per parlare di disegno, percezione visiva e del perché spesso… Ci vietiamo di disegnare! Le insegnanti di disegno più sghinderlee del pianeta Terra hanno anche ricordato a tutti l’uscita online della guida Tips&Chips, ancora scaricabile gratuitamente dal sito www.24hdrawinglab.com 🙂

Potete vedere l’intervista cliccando sul video in alto, oppure potete ascoltarci per radio prossimamente (a breve vi diremo quando) sulle frequenze di RADIORADIO 104.5!

Vi ricordiamo che l’ultimo appuntamento per imparare a disegnare sarà nei giorni

16/17/17 giugno 2017 | Roma

Siete ancora in tempo per disegnare la vostra estate, dopo di che 24H Drawing Lab va in vacanza 🙂 Vi ricordiamo inoltre che restano attivi i corsi individuali per tutta l’estate, anche ad agosto!

Per disegnatori en plein air e non, ultima data estiva anche per lo SketchCrawl con guida autorizzata di Roma e Provincia:

24 giugno 2017 | Villa Sciarra, Roma

Buon corso e buona visione a tutti! 🙂

 

Scarta la carta!


Cari disegnatori!

24H Drawing Lab festeggia i suoi cinque anni di vita facendo un regalo a tutti gli appassionati di disegno:

—- Tips&Chips —-

La guida per disegnatori golosi che non sono mai sazi di informazioni! Consigli pratici e semiseri che vi accompagneranno ovunque: a casa, in treno, in spiaggia. Scaricatela gratuitamente (si, avete capito) seguendo questo link. E buon divertimento!
Tips&Chips è:
 

Pratica.
Stampabile.
Leggera.
Responsive.

 

Per guardarla in anteprima sbirciate il nostro canale YouTube e gustatevi il nostro figherrimo trailer realizzato grazie a potenti strumenti tecnologici ❤

 
Prossime date corso di disegno:
Roma, 16-17-18 Giugno 2017
Villa Sciarra (Rm), SketchCrawl con guida, 24 Giugno
 
Iscrivetevi e imparate a disegnare in 24 ore!
Info e iscrizioni: s.spizzichino@gmail.com – 338 49 15 242 – www.24hdrawinglab.com
Per organizzare il Drawing Lab nella tua città: rivka.spizzichino@gmail.com – 339 43 65 053

I numeri di 24H Drawing lab:
Un sito visitato 25.000 volte solo nel 2016 e tra i dieci migliori siti legati al disegno (fonte: biglistofwebsite.com). Oltre 5.000 disegni realizzati, affrontati, revisionati, supportati. Un corso che è stato un vero e proprio training per studenti ammessi in accademie di prestigio quali RUFA – Rome University Of Fine Art, Accademia di Belle Arti di Roma, Scuola Romana dei Fumetti e Scuola di Scienza e Tecnica – sezione fumetto. Un’esperienza unica che ha consentito a chi non esercita professioni legate al disegno, di conoscerne i metodi e gli stratagemmi, e che ha formato gli oltre 50 disegnatori che hanno realizzato le Shadow Puppets per William Kentridge – Triumphs and Laments. Roma, Bergamo, Brera, Milano, Rimini, Pisa, Vinci, Prato, Catania, Genova, Bologna, Trapani, Trieste e inoltre Zurigo e Lussemburgo, le città da cui sono partiti i corsisti per frequentare 24H Drawing Lab.

24H Drawing Lab su RADIO RADIO | 104.5

Amici disegnatori, mercoledì prossimo 24 maggio nIMG-20170522-WA0005.jpgon perdete la diretta radiofonica di RADIO RADIO 104.5 alle 18:00 in compagnia nientepopodimeno che… Delle vostre insegnanti!

24H Drawing Lab sarà infatti ospite del programma di Emilio Giordani, e sarà un’occasione per parlare di disegno e di metodi fantasmagorici che ci fanno diventare bravi a disegnare senza stressarci troppo … 🙂

Sintonizzate la vostra radio, autoradio, pc o cellulare alle 18:00 sulla frequenza 104.5 (826 per chi ci seguirà via SKY) e seguite l’intervista di Emilio Giordani a Sara Spizzichino e Rivka Spizzichino, che riveleranno in diretta una sorpresona che hanno preparato per tutti i corsisti e non… Sì, avete capito bene, è proprio un omaggio a tutti voi, per celebrare le 5 candeline del corso più amato del pianeta Terra ❤

IL TRAINING DEL DISEGNATORE

P_20170204_194708_1.jpg

Esercitarsi esercitarsi esercitarsi.

Esercitarsi… Esercitarsi… ESERCITARSI 🙂 La pratica costante è sempre l’origine di tutti i miglioramenti. Testare con la propria esperienza quali risultati siamo in grado di ottenere in breve tempo e con degli esercizi mirati, ci aiuta a migliorare la nostra auto immagine e ad ottimizzare il tempo che dedichiamo alla pratica di una disciplina specifica, non solo il disegno. In questo modo investiremo il nostro tempo in esercizi brevi ma molto mirati, al fine di potenziare le nostre capacità, evitando gli allenamenti frustranti, stancanti e dispersivi che durano troppo tempo. Chi ha frequentato 24H Drawing Lab ha avuto modo di confrontarsi con degli esercizi tecnici molto mirati – talvolta un po’ bislacchi – scoprendo quanto tornassero utili quelle informazioni durante la realizzazione di un chiaroscuro, o nelle proporzioni. Tutto ciò verrà naturalizzato, ad una certa distanza dal corso, e sarà con voi anche quando non avrete le vostre matite in mano. Ricordate che il disegno fa parte delle memorie legate al corpo: non potrete mai scordare come si va in bicicletta una volta che avrete imparato!

Relax… Relax… RELAX 🙂 Non solo la pratica è importante. In ogni disciplina, dall’arte alla musica, come nello sport, sapere quando fermarsi è necessario al fine di non stressare le nostre risorse con fatica estrema e risultati insoddisfacenti. Ci siamo allenati fino allo sfinimento? E ora? Una buona idea è fermarsi, distendere un po’ le mani se avvertiamo una sensazione di dolore, respirare profondamente, e magari riprendere l’esercizio quotidiano il giorno seguente. E se dobbiamo consegnare un disegno? Magari abbiamo una scadenza! Allora l’ideale è intervallare l’applicazione con pause imposte, di circa una o due ore, in cui si svolge un’attività opposta allo star seduti (o dritti in piedi) davanti al cavalletto. Per esempio una bella camminata, una telefonata a un amico, una sosta al nostro bar preferito. Noterete come un momento di ristoro “mirato” sia vostro alleato nella buona riuscita di un disegno. Una sosta prolungata infatti ci consente di visualizzare un’inesattezza – una sproporzione, o una macchia nel chiaroscuro, per esempio – molto più velocemente di una ricerca spietata davanti al cavalletto. Pensateci! A volte sentire la stanchezza quando si è molto concentrati non è possibile. Come avrete notato, quando siamo immersi nel disegno a volte dimentichiamo anche di rispondere a un messaggio, bere un caffè o prendere una medicina in orario. Questo perché entriamo in uno stato mentale P_20170205_131722.jpgovattato grazie al piacere col quale ci dedichiamo a questa disciplina. Quando riconosciamo una certa difficoltà nel rendere dettagli che “normalmente sono facili per noi”, o più semplicemente quando il nostro disco preferito è finito di nuovo, ecco il momento di fermarci. Il punto è che il tempo non dovrebbe essere importante per noi, quando stiamo disegnando. È certamente importante se abbiamo un appuntamento dal medico, o se dobbiamo arrivare puntuali sul posto di lavoro. Ma nel disegno – come nelle attività creative in genere – dovremmo imparare a riconoscere le nostre sensazioni, e non i minuti sull’orologio. Riconosciamoci stanchi, affamati, carichi.P_20170205_165922_1.jpg

Condividere con gli amici i nostri traguardi, e comunicare con i nostri insegnanti e tutor le nostre perplessità, o i nostri scopi. Condividere oggi è una parola molto legata ai social e alla proliferazione di immagini inutili, tanto che abbiamo preso la tendenza ad associarla a sentimenti negativi, come l’inquinamento visivo proposto a dismisura attraverso tutti i mezzi a nostra disposizione. Al punto che forse, abbiamo perso il significato di questa splendida parola: condividere. Significa far entrare le persone che amiamo nel nostro mondo, accogliendo loro nei nostri sforzi. Ci amano, e saranno lì per incoraggiarci, sostenerci e chiederci anche qualche “verifica” sui nostri miglioramenti!

Incontrarsi infine, per chi condivide una passione è importante. Anche nella musica non si può suonare sempre soli, e lo stesso vale per il disegno. Incontrarsi è il modo migliore per essere costanti negli allenamenti, sviluppare nuove curiosità e scambiarsi informazioni che possono rivelarsi illuminanti. È un modo per restare in contatto con il mondo del disegno anche quando non si ha tempo per disegnare. Magari si può trascorrere un pomeriggio visitando insieme una mostra, confrontandosi su ciò che si è visto. Anche attività di questo tipo aiutano il disegnatore ad affinare la sua tecnica 🙂

P_20170204_095422.jpg

 

Tutte le immagini di questo articolo sono state realizzate durante la recente trasferta di 24H Drawing Lab a Zurigo, e sono state utilizzate per gentile concessione degli autori.

 

Prossime date corso di disegno: Novembre, Gennaio, Febbraio, Marzo

Ingrid prima e dopo

Ciao disegnatori!

Anche il corso di Ottobre si è chiuso con grande impegno e allegria: presto sul nostro blog le foto di questa bellissima esperienza tutta al femminile! Come promesso, vi informiamo sulle prossime date del vostro corso di disegno preferito per imparare a disegnare in 24 ore, o per tornare a trovarci e disegnare in compagnia:

Roma, 19-20/26-27 Novembre (4 giorni)

Roma, 7-8/14-15 Gennaio 2017 (4 giorni)

Zurigo, 3-4-5 Febbraio

Roma, 17-18-19 Febbraio

Roma, 11-12/18-19 Marzo (4 giorni)

Iscrivetevi mandando una mail a s.spizzichino@gmail.com o chiamando il numero 338 49 15 242.
Teneteci d’occhio, perchè stiamo organizzando date a Rimini-Milano-Napoli-Bari, e per questo potrebbero esserci corsi in più in questi mesi. Noi vi terremo informati!
Le date di tre giorni sono più comode per chi viene da fuori Roma: potete prenotare una delle strutture in convenzione con il corso e preparare il vostro bel weekend romano all’insegna della creatività a un prezzo eccezionale! Maggiori informazioni qui.
buono-natale
Si avvicinano le feste: regalate un corso di disegno – e la felicità! – alle persone che amate! Potete acquistare uno dei nostri buoni regalo o uno dei nostri voucher per frequentare il corso di disegno più sghinderleo del pianeta. Stessi benefit, nessuna scadenza! Saper disegnare dura tutta la vita! Maggiori informazioni qui.
Foto: cdn.zuerich.com

Foto: cdn.zuerich.com

A Febbraio torneremo a Zurigo: per informazioni e iscrizioni contattate rivka.spizzichino@gmail.com o chiamate il 339 43 65 053. Il corso si terrà in lingua inglese.

Sara Spizzichino finalista al Premio Oblivion 2016. Siamo liete di annunciare la selezione dell’opera di Sara Spizzichino, “I have saved all my ribbons for thee” al Premio Oblivion 2016. L’opera sarà in mostra a Vittoria dal 4 Marzo 2017, negli spazi della Ex Officina Elettrica Municipale, Sala Mazzone. Maggiori informazioni qui.
Rivka Spizzichino in mostra al Kunstverein di Monaco di Baviera. Le foto che Rivka Spizzichino ha realizzato insieme all’artista tedesca Christina Maria Pfeifer saranno in mostra dal 2 all’11 Dicembre 2016 presso le sale espositive del Kunstverein München in occasione della mostra “Jahresgaben”.
Per portare 24H Drawing Lab nella tua città contatta: rivka.spizzichino@gmail.com o chiama il 339 43 65 053.

24H Drawing Lab. Un corso intensivo di disegno per chi non ha alcuna  preparazione tecnica e vuole incrementare le proprie capacità in poco tempo, ma anche per esperti che vogliono approfondire metodi innovativi legati alla percezione visiva. Basato sul Metodo Edwards, aiuta a naturalizzare il disegnare come si è naturalizzata la guida o la lettura. Il corso dura 24 ore e ha un costo complessivo di 160,00 euro sviluppandosi durante il weekend. Sono previste sessioni agevolate di tre giorni consecutivi da otto ore ciascuno per i corsisti fuori Roma, convenzioni con B&B e corsi individuali. Il materiale viene interamente fornito e resta dello studente a fine corso. Inoltre, gratuitamente e in base alla disponibilità dei posti, si può partecipare ai corsi successivi per disegnare in compagnia e continuare a esercitarsi.Sono previste agevolazioni e sconti per gruppi, per un numero massimo di dieci partecipanti. Ideale anche per bambini dai nove anni in su!

I numeri di 24H Drawing Lab. Un sito visitato 25.000 volte solo nel 2016 e tra i dieci migliori siti legati al disegno (fonte: biglistofwebsite.com). Oltre 5.000 disegni realizzati, affrontati, revisionati, supportati. Un corso che è stato un vero e proprio training per studenti ammessi in accademie di prestigio quali RUFA – Rome University Of Fine Art, Accademia di Belle Arti di Roma, Scuola Romana dei Fumetti e Scuola di Scienza e Tecnica – sezione fumetto. Un’esperienza unica che ha consentito a chi non esercita professioni legate al disegno, di conoscerne i metodi e gli stratagemmi, e che ha formato gli oltre 50 disegnatori che hanno realizzato le Shadow Puppets per William Kentridge – Triumphs and Laments. Roma, Bergamo, Brera, Milano, Rimini, Pisa, Vinci, Prato, Catania, Genova, Bologna, Trapani, Trieste e inoltre Zurigo e Lussemburgo, le città da cui sono partiti i corsisti per frequentare 24H Drawing Lab.

PROSSIME DATE 24H DRAWING LAB | ROMA, 28-29-30 OTTOBRE

 

Prima/Dopo

Prima/Dopo

 

 

Cari disegnatori prepararsi al decollo!

24H Drawing Lab si lascia alle spalle un mese ricco di appuntamenti! Certamente abbiamo avuto tante soddisfazioni, e siamo onorati per le collaborazioni importanti che negli anni ci hanno stimolati a fare sempre meglio.

Ma torniamo a noi! Infatti è in arrivo il prossimo corso, a Roma il 28, 29 e 30 ottobre prossimi! (iscriviti qui). Il corso sarà articolato in tre giornate suddivise in 4 ore la mattina e 4 il pomeriggio, suddivise da un’ora di pausa pranzo. Il materiale viene fornito interamente da 24H Drawing Lab e resta tuo alla fine del corso! Ti ricordiamo che nel costo di € 160,00 sono inoltre incluse le dispense che ti verranno consegnate a fine corso, i buoni sconto per i principali negozi di Belle Arti, piccoli e sfiziosi break per recuperare attenzione durante i lavori, un attestato di partecipazione a fine corso e la possibilità di tornare a frequentarci ogni volta che vuoi.

Se “saper disegnare” è scritto nella lista dei tuoi desideri, non rinunciare alla possibilità di raggiungere questo obiettivo… Basta un week-end 🙂

Vedrai da vicino il tuo sogno che si compie, in un ambiente amichevole e stimolante condiviso con chi come te ama il disegno e l’arte. Sarà un corso intensivo, ma ricco di intervalli a base di caffé e biscottini, chiacchiere e simpatia!

Tutte le cose sono difficili prima di diventare facili… Ma la maggior parte di queste richiede una lunga formazione e tanto tempo a disposizione da dedicare. Il prossimo week-end invece potrai toccare con mano la possibilità di raggiungere risultati buoni in tempi brevi, che saranno per te una base solida, verso la nuova visione di “te disegnatore”.

Sali a bordo prenotando qui la postazione al corso di disegno più bello del pianeta Terra!

ILLUSTRAZIONI DI REGIME: LA LINEA SOTTILE DELL’ODIO

Anche quest’anno 24H Drawing Lab è sponsor e partner dell’evento Ricordiamo Insieme, previsto il 16 ottobre 2016 presso l’Auditorium Sala Superiore Maestre Pie Filippini di via delle Fornaci 161, alla sua quarta edizione. All’interno di un ciclo di conferenze più ampio faremo informazione come ogni anno, e nel nostro intervento percorreremo insieme un tracciato storico analizzando le illustrazioni di regime, la satira e la propaganda razziale dell’Italia fascista. Capiremo insieme come e in quale contesto gli illustratori hanno messo a disposizione le proprie capacità a supporto di una ideologia folle, quali teorie pseudoscientifiche avvaloravano tale comunicazione, e se la cattiva informazione illustrata è un problema ancora attuale.

Il nostro intervento “Disegnare l’odio. Le vignette satiriche dell’Italia fascista” è previsto alle 12:45. Segue rinfresco.

Vi ricordiamo che l’evento è aperto a tutti e come sempre è a ingresso libero.

Maggiori info: ricordiamoinsieme.org

headerricordiamoinsimee

Prossime date e prossimi eventi del Drawing Lab

Ciao disegnatori!
Ecco qualche aggiornamento sui prossimi mesi del vostro corso di disegno preferito! Prima di tutto, le prossime date di 24H Drawing Lab saranno:
Roma, 28-29-30 Ottobre
Roma, 19-20/26-27 Novembre (4 gg)

Info e iscrizioni: s.spizzichino@gmail.com | 338 49 15 242
Per i corsi di tre giorni, non dimenticate che potete prenotare una delle strutture in convenzione con il Drawing Lab per soggiornare nel centro di Roma a un prezzo vantaggioso, a due passi dal corso!

Sara Spizzichino selezionata tra i dieci artisti finalisti della I Edizione del Premio Nardi 2016 – Opening 1 Ottobre ore 18

14370119_685801564912041_2681625929218442591_n
Vi aspettiamo numerosi il 1 Ottobre presso la Galleria Nardi, via Arturo Graf 74 (Zona Talenti), per l’opening della mostra dei dieci artisti finalisti della I Edizione del Premio Nardi 2016. Dalle ore 18 alle 21 sarà possibile vedere la mostra, assistendo alla presentazione e alla vendita del catalogo. Nella stessa serata verrá anche nominato il vincitore di questa prima edizione. Di seguito la comunicazione ufficiale dei dieci artisti selezionati… Non mancate!

La I Edizione Premio Pittura Nardi Arte 2016 ha trovato i suoi dieci finalisti grazie ad una giuria di esperti.

La Galleria Nardi Arte, ringrazia tutti gli artisti partecipanti e vi invita alla mostra collettiva dei finalisti, il giorno 1 ottobre 2016, dove verrà presentato il catalogo e il nome del vincitore.

FINALISTI ( in ordine alfabetico)

Pietro CERNIGLIARO
Marta CERRINI
Cristiana DE LUCA
Tonia ERBINO
Silvia FAIETA
Valeria PATRIZI
Marco PILI
Filippo SACCA’
Sara SPIZZICHINO
Samuele VENTANNI


Disegnare l’odio: le vignette satiriche dell’Italia fascista – 16 Ottobre 2016 ore 10

headerricordiamoinsimee

Il 16 Ottobre, presso l’Auditorium Sala Superiore Maestre Pie Filippini, in via delle Fornaci 16124H Drawing Lab darà il suo contributo al convegno annuale Ricordiamo Insieme sulla memoria delle deportazioni di Roma, con un intervento dal titolo: Disegnare l’odio, le vignette satiriche dell’Italia fascista. La partecipazione al convegno è gratuita.
 

Le prossime città del Drawing Lab potrebbero essere:

– Zurigo
– Rimini
– Milano
– Napoli
– Bari

Per info sui corsi fuori Roma: rivka.spizzichino@gmail.com | 339 43 65 053

24H Drawing Lab
Un corso intensivo di disegno per chi non ha alcuna  preparazione tecnica e vuole incrementare le proprie capacità in poco tempo, ma anche per esperti che vogliono approfondire metodi innovativi legati alla percezione visiva. Basato sul Metodo Edwards, aiuta a naturalizzare il disegnare come si è naturalizzata la guida o la lettura. Il corso dura 24 ore e ha un costo complessivo di 160,00 euro sviluppandosi durante il weekend. Sono previste sessioni agevolate di tre giorni consecutivi da otto ore ciascuno per i corsisti fuori Roma, convenzioni con B&B e corsi individuali. Il materiale viene interamente fornito e resta dello studente a fine corso. Inoltre, gratuitamente e in base alla disponibilità dei posti, si può partecipare ai corsi successivi per disegnare in compagnia e continuare a esercitarsi.Sono previste agevolazioni e sconti per gruppi, per un numero massimo di dieci partecipanti. IDEALE ANCHE PER BAMBINI DAI 9 ANNI IN SU!
I numeri di 24H Drawing Lab
Un sito visitato 25.000 volte solo nel 2016 e tra i dieci migliori siti legati al disegno (fonte: biglistofwebsite.com). Oltre 5.000 disegni realizzati, affrontati, revisionati, supportati. Un corso che è stato un vero e proprio training per studenti ammessi in accademie di prestigio quali RUFA – Rome University Of Fine Art, Accademia di Belle Arti di Roma, Scuola Romana dei Fumetti e Scuola di Scienza e Tecnica – sezione fumetto. Un’esperienza unica che ha consentito a chi non esercita professioni legate al disegno, di conoscerne i metodi e gli stratagemmi, e che ha formato gli oltre 50 disegnatori che hanno realizzato le Shadow Puppets per William Kentridge – Triumphs and Laments. Roma, Bergamo, Brera, Milano, Rimini, Pisa, Vinci, Prato, Catania, Genova, Bologna, Trapani, Trieste e inoltre Zurigo e Lussemburgo, le città da cui sono partiti i corsisti per frequentare 24H Drawing Lab.

24H DRAWING LAB INCONTRA: MARIANNA LEONE [RESTAURATRICE]

IMG_3562

“Quando restauri entri in intimità con chi ha creato l’opera. Ti addentri nella sua testa, giudichi o approvi le sue scelte. Queste, condizionano le scelte che farai tu, sugli attrezzi da usare, i solventi da applicare, o su come intervenire in quell’opera.”

Marianna Leone

 

Ciao Marianna.. Di restauro io non so molto, anche se ho un ricordo molto nitido di una visita al centro di restauro quando frequentavo il liceo artistico. Immagino questo mondo pieno di formule, chimica e odori. Perciò ti farò delle domande e tu rispondi come se io fossi una bimba. A quanti anni hai deciso che saresti diventata una restauratrice?

Io avevo le idee chiare già in terza media. Poi facendo i test attitudinali, ebbi una risposta sconfortante: qualunque indirizzo fuorché quello artistico!

Ah, avevano capito in pieno!

Beh, in effetti devo ammettere che i test attitudinali non si sono rivelati molto attendibili nel mio caso. Così ho deciso di continuare per la mia strada, e i miei genitori mi hanno appoggiata nelle mie scelte. Sapevano di avere a che fare con una figlia coscienziosa, che non li avrebbe delusi qualunque strada avesse scelto di prendere. Ho sempre amato studiare, a scuola andavo bene e portavo a casa ottimi voti. I miei erano consapevoli che avrei portato avanti la mia strada facendo del mio meglio, e sviluppando le mie capacità al massimo.

Comunque la tua scelta è arrivata molto presto, perché tutto sommato eri ancora giovanissima quando hai deciso che saresti diventata una restauratrice. Cosa pensi abbia innescato questa predilezione?

Io nutrivo un fortissimo interesse nel restauro ma anche nell’archeologia. Però mi sono resa conto che alcuni aspetti dell’archeologia erano troppo lontani da me, come ad esempio la dedizione allo studio del latino. Questa è stata la discriminante che mi ha portata ad orientarmi completamente al restauro. Ma l’amore per la custodia e la tutela di ciò che ha un valore storico, credo sia nato durante le lunghe passeggiate domenicali con mio padre. Giravamo tutta Roma, mi portava a vedere Castel Sant’Angelo, la cupola di San Pietro… E poi i giri per i musei. Forse già in quel momento ho pensato a questo patrimonio come qualcosa di cui avrei voluto prendermi cura. Poi è stata mia madre a scegliere la scuola adatta. Ha girato i licei di Roma, e alla fine abbiamo scelto il IV Liceo Artistico Alessandro Caravillani. E in effetti superando qualche piccolo shock iniziale, perché una volta lì mia madre vide alcuni professori un po’ “sopra le righe”…

Eh lo so bene… Però la nostra generazione ha avuto la fortuna di avere grandissimi insegnanti in quel liceo, artisti di spessore nel panorama artistico internazionale. Poi oggi abbiamo scoperto che eravamo nella stessa sezione ma con un anno di differenza, quindi i nostri maestri sono stati in un certo senso il nostro comun denominatore per l’arte.

Beh si guarda, è stata una chance avere a che fare con Paolo Cotani, Gaetano Pesce e Carlo Ambrosoli, per citarne solo alcuni. Sono nomi di assoluto rilievo nel panorama artistico contemporaneo. Penso che il fatto che loro lavorassero con l’arte portava le nostre lezioni su un livello più alto di insegnamento. Se ci pensi, consegnavano a noi le loro esperienze, il fare arte conciliando l’istinto e il criterio. La loro professione, era l’arte. Sapevano trasmetterti emozioni che altri professori non ti davano.

Quindi il tuo percorso formativo è stato come base il liceo artistico sperimentale, col biennio comune e poi la scelta del triennio ad indirizzo individuale, che è stata ovviamente conservazione e catalogazione dei beni culturali… Poi?

Poi prima di iscrivermi alla facoltà di architettura ho deciso di andare a lavorare in un bottega di restauro, per vedere da vicino il mondo che adoravo. Mi presentai in questo laboratorio pochi mesi dopo il diploma, a settembre. Anche l’università è stata importante per me, perché era il primo corso sperimentale sul restauro dei beni architettonici. Avevamo professori di altissimo livello, come Pio Baldi che è stato direttore del MAXXI, c’era il sopraintendente ai beni archeologici. Insomma una bella squadra di professionisti. Abbiamo visitato dei posti meravigliosi come la Colonna Traiana e la statua di Marco Aurelio, poi siccome era il primo anno che veniva attivato quel corso di laurea, si era investito tanto in questa nuova offerta formativa. Ho frequentato poi un corso regionale, ma la mia preparazione come restauratrice, di fatto, è avvenuta in bottega. Tutto quello che so nel restauro, lo devo letteralmente a chi me lo ha insegnato quando lavoravo a bottega.

Cosa ti facevano fare durante questo praticantato?

In primo luogo mi facevano studiare. Tanto. C’era tutta la biblioteca disposizione se volevi informarti sulle tecniche di restauro o sulla storia. Ma la cosa più importante in assoluto, è che in quella bottega ti facevano proprio lavorare. Ti mettevi vicino a loro per vedere le loro abilità, ma non avevano problemi a lasciare la lavorazione di un pezzo, se avevi bisogno di istruzioni sul tuo lavoro. Spiegavano, di prodigavano enormemente. Il discorso della gavetta in cui ti si chiede di pulire e basta – e la tua formazione è rimandata a un secondo momento – lì dentro non esisteva. Si doveva lavorare. Loro mi hanno presa con l’impegno di formarmi come restauratrice. Siamo entrati in tre in quella bottega, tutti per formarci come restauratori. Purtroppo uno di noi ha scoperto in quel periodo di essere daltonico, ed ha rinunciato. L’altra ragazza invece ha capito in corso d’opera che il restauro non era un suo interesse vivissimo, e questa serie di circostanze ha fatto in modo che in quel laboratorio si veicolassero verso di me molte attenzioni riguardo alla mia formazione. Con me sono stati bravissimi.

Quindi il tuo primo ingaggio effettivo è stato proprio in quella bottega?

Sì.

Ti ricordi la sensazione che avevi in quel momento? Avevi paura?

Sì, tantissima. Me lo ricordo come fosse ieri.

Quali oggetti ricevi più frequentemente nella tua bottega?

Quadri e cornici, che tradotto in altri termini significa restauri e dorature. Qual è il restauro al quale sei più legata, o che ti è rimasto più impresso? Beh, sicuramente le pitture murali di Siena. Si trattava di intervenire su degli affreschi e su delle pitture a secco. Era un’opera da eseguire su un intero palazzo, ed io sono rimasta lì per un anno e mezzo. C’erano due squadre di intervento: restauratori e decoratori. Io ho avuto la fortuna di essere presente in entrambe. Si trattava di un palazzo che aveva avuto una storia molto frastagliata, passando di mano in mano tra proprietari nobili e canili … Una cosa disastrosa! Poi mentre eravamo lì hanno scoperto che sotto c’erano ancora le fondamenta del Duecento. Poi sotto Siena c’è l’acquedotto, con tutte le sue gallerie scavate nel tufo giallo. Sotto a questo palazzo quindi c’erano una serie di cunicoli con le nicchie in cui i minatori mettevano le statue votive perché temevano che la sotto fosse l’inferno. Dopo questa esperienza ho fatto un altro corso regionale, sul restauro delle facciate antiche perché mi aveva appassionata la pittura murale. Poi sono arrivata qua.

Quanto influisce il fatto che tu sai disegnare, in un lavoro come questo?

Dedicandomi principalmente al restauro, l’attività legata al disegno si è un po’ sopita nel tempo. Facevo acquerelli e ho smesso, ma certamente disegnare è una capacità che influisce in un mestiere del genere. In un quadro ho dovuto ricostruire un volto, per esempio. Conoscere come impostare il viso, le proporzioni, le luci… Certamente è una capacità che ben ci sta in una professione di questo tipo, e che serve a dare sicurezza e ad averne.

IMG_3569IMG_3616