CORSO DI DISEGNO A ROMA E MILANO

img-0752_1_orig

Corso di Roma – Archivio fotografico 24H Drawing Lab

Le prossime date di 24H Drawing Lab toccheranno Roma Milano e saranno:

Milano, 27-28-29 Ottobre 2017
Roma, 10-11-12 Novembre 2017
Roma, 2-3/9-10 Dicembre 2017 (corso di 2 weekend)

img-20170115-wa0016_orig

Autoritratto prima e dopo 24H Drawing Lab (3 giorni)

Tre giorni, 24 ore per vivere dall’inizio alla fine l’esperienza più gratificante della tua vita!
Il corso ha un costo di 160 euro che comprendono, oltre alla frequenza, anche il materiale che viene interamente fornito da noi e resta tuo a fine corso, le dispense con tutti gli esercizi per continuare a disegnare anche a casa, gli sconti nei negozi di belle arti di Roma sull’acquisto del materiale che vorrai comprare dopo il corso, e (senti senti…) la possibilità di tornare a disegnare gratuitamente ogni volta che vuoi a tutti i nostri corsi successivi, in base alla disponibilità dei posti.
Per info e iscrizioni scrivi a s.spizzichino@gmail.com o chiama il 338 49 15 242.
Se vuoi iscriverti subito, compila il nostro form 😉
20170721_130434
Corso a Milano
Ci trovi in una zona centralissima, per lavorare in un ambiente rilassato e amichevole. Stesso costo anche in trasferta (160 euro), stessi benefit di sempre! Per questa occasione ci ospiterà Studio Core, ad un passo dalla fermata MM3 Repubblica, e a pochi minuti a piedi dalla Stazione Centrale.

Prenota la tua postazione compilando il FORM sul nostro sito. Nella casella “Iscrivimi al corso del mese di” basta indicare MILANO-OTTOBRE 2017, e sei a bordo.

Per ogni informazione sul corso di Milano, scrivi una mail a rivka.spizzichino@gmail.com, oppure chiama il 339 43 65 053.
Vuoi conoscerci meglio?
Scarica la nostra guida gratuita: 80 pagine di consigli da gustare in allegria, oppure guarda la nostra intervista a RADIO RADIO 104.5!Se imparare a disegnare è nella tua lista di buoni propositi, puoi farlo adesso e in breve tempo. Affrettati a confermare la tua partecipazione… I posti sono limitati!

Canale Youtube
24H Drawing Lab è un corso intensivo di disegno per chi non ha alcuna  preparazione tecnica e vuole incrementare le proprie capacità in poco tempo, ma anche per esperti che vogliono approfondire metodi innovativi legati alla percezione visiva. Basato sul Metodo Edwards, aiuta a naturalizzare il disegnare come si è naturalizzata la guida o la lettura. Il corso dura 24 ore e ha un costo complessivo di 160,00 euro sviluppandosi durante il weekend. Sono previste sessioni agevolate di tre giorni consecutivi da otto ore ciascuno per i corsisti fuori Roma, convenzioni con B&B e corsi individuali. Il materiale viene interamente fornito e resta dello studente a fine corso. Inoltre, gratuitamente e in base alla disponibilità dei posti, si può partecipare ai corsi successivi per disegnare in compagnia e continuare a esercitarsi. Sono previste agevolazioni e sconti per gruppi, per un numero massimo di dieci partecipanti.IDEALE ANCHE PER BAMBINI DAI 9 ANNI IN SU!

Annunci

Buon compleanno, Giorgio Morandi!

Il 20 Luglio del 1890 nasceva a Bologna l’artista Giorgio Morandi. Noi di 24H Drawing Lab gli rendiamo omaggio con una selezione di nature morte realizzate dai nostri studenti! Buon compleanno, Morandi!

A COSA SERVE DISEGNARE LA NATURA MORTA

Michelangelo_Caravaggio_019

Caravaggio – Canestra di frutta

1952

Giorgio Morandi – Natura morta, 1952

Ve lo sarete chiesto in tanti: devo proprio disegnare nature morte per diventare un bravo disegnatore?

Ebbene… Questo particolare soggetto – che in fotografia è più noto come still life – per molti non è certo il più divertente degli esercizi legati al disegno o alla pittura. Sebbene in arte ci siano state grossissime rappresentazioni legate alla natura morta, diverse per epoca e stile (pensiamo alle nature morte di Caravaggio o a quelle di Morandi per esempio, nelle foto qui sopra), ad oggi ancora in molti definiscono questo soggetto “complesso, noioso da realizzare e banale nel risultato”.

Ma in realtà – lo diciamo anche al corso – si tratta di un allenamento specifico e molto molto utile. Vediamo perché.

Ogni musicista ha le sue scale, talvolta belle nella sequenza di suoni. Altre volte, sono particolarmente “ripide” e difficili da digerire sotto un profilo acustico. Come ogni professionista quindi, il disegnatore ha (o dovrebbe avere) a che fare con il suo esercizio quotidiano da far rientrare nel suo allenamento al fine di sentirsi sempre più sicuro, e proporre eventualmente i  propri lavori.

La natura morta ci aiuta perché:

  • Alleniamo la nostra sensibilità tonale, andando a fare un grosso lavoro di recupero delle informazioni legate ai grigi di un soggetto (indispensabili per chi disegna a matita o a carboncino).
  • Affiniamo la nostra tecnica legata alla realizzazione del chiaroscuro. Diventiamo sempre più padroni della nostra pressione manuale e i risultati saranno evidenti, spesso in tempi brevissimi.
  • Ci consente di lavorare in maniera specifica sulle differenti superfici di cui sono composti i nostri soggetti. Naturalmente la superficie di una pera non riflette la luce allo stesso modo di un vaso in ceramica. La natura morta ci aiuta a studiare le caratteristiche di tutti i materiali e diventare sempre più specifici nella loro realizzazione. Potete addirittura tenere un diario di materiali già affrontati, e vedrete che sarà molto affascinante notare i vostri perfezionamenti e le diversità di realizzazione.
  • Ci allena a misurare a distanza!
  • Ci allena ad avere a che fare con soggetti verticali o orizzontali, orientando sempre in maniera opportuna i nostri fogli.
  • Può, ovviamente, essere composta di oggetti che amate particolarmente: un frutto che vi piace, lo strumento che suonate, la vostra macchina fotografica o il regalo del compleanno che avete amato di più. Questo vi permetterà di mantenere alta la concentrazione.

Al corso approfondiamo sempre molto questo soggetto, che è una vera opportunità di studio e allenamento per disegnatori neofiti e professionisti. Ma intanto, ricordate una cosa importantissima: anche una natura morta può diventare un vostro spazio creativo. Pensate ai contenuti filosofici che hanno raccontato le nature morte di Giorgio Morandi, il quale attraverso oggetti estremamente usuali – in particolar modo bottiglie – era in grado di raccontare la SUA visione, ovvero una realtà poetica e surreale altrimenti invisibile.

Che altro dire cari disegnatori…. Una mela al giorno………… 🙂