THE BIG DRAW 2017 | Il più grande festival di disegno del mondo!

20248298_10211723579337525_3756437271375452556_o

Dal 16 settembre al 15 ottobre, in tutta Italia si terrà il festival di disegno più grande del mondo: The Big Draw.

The Big Draw è un’associazione a scopo benefico che nasce nel Regno Unito anni fa e che da due anni, grazie a Fabriano, viene organizzato anche in Italia.

Per partecipare potete inviare una mail a thebigdraw@fabriano.com.

Qual è la sua missione?

Semplice: portare il disegno nel mondo e farlo conoscere come mezzo di espressione non verbale. Il disegno è un linguaggio universale che aiuta l’apprendimento e la comunicazione tra le persone. The Big Draw è una grande festa che onora il disegno in ogni sua forma, dedicato ai più giovani, agli adulti e ai meno giovani… insomma proprio a tutti! E non serve saper disegnare. 😉

Tutte le informazioni sull’iniziativa in Italia potete trovarle qui:

Evento Facebook

The Big Draw

Fabriano

 

Che voglia di disegnare che ho!

Bene, bene, bene.

Avete finito il corso, siete tutti galvanizzati e non vedete l’ora di esplorare tutte le tecniche che il meraviglioso mondo del disegno ha da offrire.

Come darvi torto.

24H Drawing Lab vi ha fornito un portfolio di materiali di base in dotazione, e vi ha dato un paio di ali per volare sotto le sembianze di un buono sconto del 10% sull’acquisto di tutto il materiale da Poggi Belle Arti, a Roma.

Cosa fare con questo buono sconto?

Prima di tutto vi consiglio di prendere un album da disegno che rispecchi le vostre esigenze: alla fine del corso, io consiglio sempre i Fabriano Accademia, perché la carta è di grande qualità (non scherziamo, è Fabriano!) e il prezzo è assolutamente vantaggioso. Scegliete voi il formato, ogni album è disponibile in varie dimensioni.

0000000765131

Fabriano Accademia

E’ importante disegnare su un piano di lavoro inclinato, dunque il secondo acquisto che farei è un cavalletto da tavolo di tipo economico, in legno. E uno stiratore.

Cos’è uno stiratore?

Non è altro che una tavola di legno che fa da piano d’appoggio sul nostro cavalletto. Nei negozi di Belle Arti ce ne sono quanti ne volete e sono molto robusti, ma anche costosi. Personalmente, preferisco andare in falegnameria e farmene tagliare uno su misura. Vi assicuro che il prezzo crolla considerevolmente.

Veniamo al materiale da disegno.

Come vi dicevo, 24H Drawing Lab vi ha dato tutto il materiale di base per disegnare in autonomia (esercizi compresi), dunque ora si stratta solo di andare in esplorazione. Il modo migliore per continuare il viaggio, è l’acquisto della confezione in latta firmata da Cretacolor, “Artino Basic Drawing Set”. Quanto è bella, mamma mia:

prod-artino-basic-set-1-big

Artino Basic Drawing Set

201412150114100

Disegno rialzato a matita bianca

Dentro potete trovare una panoramica fondamentale delle tecniche grafiche: grafite, sanguigna, carboncino, tutti nella doppia versione matita/blocchetto. Ma anche la matita gesso bianca per il disegno rialzato, e lo sfumino, che al corso diciamo sempre di usare con grande parsimonia. Tutto, in un minuscolo spazio vitale (Cit.).

Da qui in poi, avete tutto quello che vi serve (e che già sapete usare, se siete venuti al corso!) per non fermarvi più.

Buon lavoro!

A TORINO, UN CONGRESSO PER CHI AMA IL DISEGNO

La Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli presenta il Congresso dei Disegnatori, che si terrà dall’8 ottobre all’8 novembre 2015 a Torino. Nasce da un’idea dell’artista polacco Paweł Althamer, per promuovere la comunicazione non verbale tra le persone, attraverso il disegno: ognuno è infatti invitato a disegnare con qualsiasi tecnica, e qualunque cosa gli passi per la testa, sulle pareti che faranno da foglio. Matite, pastelli, carboncino, pennelli: qualsiasi tecnica sarà perfetta, qualsiasi disegno sarà un’opera e tutti insieme si realizzerà un grande lavoro corale.

700 metri quadri all’interno del Toolbox, uno spazio in condivisione vicino alla Stazione Porta Nuova in cui artisti, disegnatori, artigiani, disoccupati, liberi professionisti e appassionati avranno modo di esprimersi, confrontarsi, scontrarsi e dialogare per immagini in un confronto non gerarchico né autoriale.

Noi di 24H Drawing Lab non possiamo non essere d’accordo con questa iniziativa, e vi invitiamo tutti ad andare a lasciare un segno.

L’ingresso è libero e aperto a tutti!

Congresso dei Disegnatori – Torino
Prodotto dalla Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli in collaborazione con l’ISR
a cura di NERO
Scopri il PROGRAMMA del Congresso dei Disegnatori

Toolbox Coworking
via Egeo 8, 10134 Torino
Orari di apertura: Mercoledì -Venerdì ore 10:00 – 18:00 | Sabato e domenica ore 11:00 – 19:00
Ingresso libero

Apertura del Congresso dei Disegnatori
Giovedì 8 ottobre 2015

Evento di chiusura
Sabato 7 novembre 2015

IL TUO SKETCHBOOK IDEALE

Bene, bene, bene.

Gente, arriva l’estate: tempo di uscire per andare a disegnare.

Come ogni bravo disegnatore che si rispetti, anche voi probabilmente sentirete la voglia di entrare in un negozio di Belle Arti e comprare un taccuino pieno solo di fogli bianchi da riempire. Ma andiamo per ordine: ci sono moltissimi sketchbook in giro e la scelta è vastissima, dunque, prima di andare a vedere cosa comprare (e anche cosa escludere!) teniamo tutti presente che uno sketchbook deve avere un requisito fondamentale di base: essere portatile. Dunque vi sconsiglio di prendere un blocco da disegno che non riesca a stare comodamente in uno zainetto o nella borsa, anche perché dopo una bella passeggiata il loro peso inizia a farsi sentire…

In commercio ne avete moltissimi: la ben nota Fabriano, ad esempio propone una vastissima gamma di blocchi da disegno in differenti formati, in più molti modelli hanno una praticissima rilegatura ad anelli e una copertina rigida che può farvi da supporto in ogni dove. Non sono proprio economici, ma l’eccellenza Fabriano vi ripagherà della cifra spesa.

C’è anche la serie Ebony prodotta dalla Daler Rowney: fogli extra bianchi disponibili anche nella versione a spirale. Sembro insistente sulla rilegatura a spirale, ma confesso che è in assoluto la più comoda, perchè potete ribaltare totalmente il blocco e farne una specie di stiratore. Anche in questo caso trovate diversi formati, ma vi consiglio di tenervi su uno non superiore all’A4 (e giá ci stiamo larghi!).

Anche Canson propone prodotti di notevole qualitá, agli stessi formati. Il prezzo è più o meno simile l’uno con l’altro (siamo intorno ai 15 euro per un A4, a scendere sui 10 e i 6 circa per formati più piccoli) e la qualitá è sempre alta.

Sono disponibili sketchbook pregiati e più “da battaglia”, con fogli giallini o bianchissimi, ruvidi per i patiti di grafite e carboncino,  acquerellabili, per chi porta sempre i pennelli con sé.

Vi consiglio di comprare taccuini di qualitá: il più economico dei produttori sovracitati è comunque un prodotto che nel tempo vi premierà in durata.

Non ho ancora citato Moleskine, che ha ampliato la gamma di taccuini alle Belle Arti, fornendo sketchbook con fogli da acquerello e formati da paesaggio. Anche in questo caso, sappiate che state comprando carta di qualitá e vi basta solo scegliere, per il resto andate sul sicuro.

Ultimamente girano taccuini a basso costo sul modello Moleskine, con copertina rigida e fogli extrabianchi da 80 grammi (quelli da risma, per intenderci). Per esperienza personale, al di lá che ogni scelta è soggettiva e la qualitá può non essere una prioritá, soprattutto se la vostra intenzione è disegnare moltissimo, tendo a sconsigliarli anche al corso. Questo perchè ho notato che tendono ad ingiallire molto presto e vi assicuro che su disegni a cui tenete particolarmente è un po’ seccante.

Concludendo, non posso che ricordarvi che chi frequenta il Drawing Lab può comprare tutte queste meraviglie in convenzione dal fornitissimo Poggi, a Roma.

Buone passeggiate, disegnatori!

750 CANDELINE DI CARTA… FABRIANO!

home1

Avete capito bene, 750 anni; e non sentirli. Sono lunghi anche da scrivere: settecentocinquanta. Infilati come perle preziose nella lunga trama storica del nostro Paese. Risale infatti al lontano 1264 il documento che attesta a Fabriano una prima produzione di carta bambagina, ricavata da un composto di canapa e lino.

Fabriano ormai è sinonimo di un’azienda che vanta oltre al primato storico, anche quello di aver avuto tra i suoi estimatori, nomi illustri quali Beethoven, Giambattista Bodoni e Michelangelo.

E oggi, anche noi di 24h Drawing Lab!

Carta di raffinata qualità, proveniente da foreste gestite secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici… Certo da bambini, non potevamo immaginare che dietro a quel logo in rilievo ci fosse tanta ricerca. Ho i brividi se penso di averne sprecato qualcuno, di tanto in tanto!

Nel sito ufficiale www.fabriano.com potrete trovare un vastissimo assortimento di carte divise 6 sezioni distinte: ufficio, disegno, belle arti, stampa, corrispondenza e writing. Ovunque ci sia necessità di un supporto cartaceo, Fabriano risponde a questa necessità. Di certo a Michelangelo non serviva la carta per stampa inkjet fotografica lucida, ma la forza di questa grande azienda italiana è stata proprio quella di essersi sempre adattata ad altissimo livello a ben 30 generazioni di esigenze cartarie diverse.