I disegni di Poussin restaurati e in mostra al Castello di Chantilly

DE-198©RMN16-548362 (1)

Foto: http://www.domainedechantilly.com/fr/event/exposition-dessins-poussin/

Sono in tutto 36, i disegni di Nicolas Poussin che, grazie al sostegno di Crédit Agricole Brie Picardie sono stati tolti all’oblio del deterioramento causato dal tempo e possiamo ammirarli fino al 7 gennaio 2018 nelle sale dell’Ufficio di Arti Grafiche del Castello di Chantilly in Francia.

Provenienti per la maggior parte dalla collezione Frédéric Reiset, ripercorrono un viaggio grafico nella vita dell’artista a partire da Aci e Galatea, passando per 2 studi sull’Adorazione dei Magi, ai quali seguì il celebre dipinto del 1633.

Un’ottima occasione anche per scoprire il Domaine De Chantilly, vero e proprio scrigno delle meraviglie reso tale da Henri d’Orléans (1822-1897), uno dei più importanti collezionisti del suo tempo.

Di seguito tutte le informazioni pratiche:

Mostra inclusa nel costo del biglietto senza costi aggiuntivi – Euro 17,00

Ridotto: Euro 10,00

Localizzazione: Ufficio delle arti grafiche del castello

Catalogo: € 19,50

Il Castello ospita anche ricevimenti privati: controllate sempre gli orari di apertura sul sito. 😉

 

 

Annunci

Il Louvre celebra il disegno genovese

 

Inv. 4643-kH8C--673x320@IlSecoloXIXWEB

Giovan Battista Paggi, Il ritorno di Ambrogio di Negro dalla Corsica – © Musée Du Louvre, ©RMN – Grand Palais – Foto M. Urtado

Fino al 25 settembre, nella Rotonda Sully del Museo del Louvre si rende omaggio al disegno genovese e ai virtuosi artisti che tra il Cinquecento e Settecento hanno orbitato nella città ai tempi della Repubblica, in una mostra anticipata dal titolo:”Dessiner la grandeur – Le dessin à Gênes à l’époque de la République (1528 – 1797)Disegnare la grandezza: Disegno a Genova all’epoca della Repubblica”.

La mostra, curata da Federica Mancini del Dipartimento Arti Grafiche del Louvre, svela 80 disegni appartenenti al fondo del Museo, preziosi perché di difficile consultazione per cause conservative.

E’ un vero e proprio elogio a Genova e alla sua arte virtuosa, che si apre dandoci il benvenuto con un abbraccio della città mentre ci stiamo avvicinando al porto, in un’opera di Claude Lorrain del 1627.

Un lavoro che valorizza al contempo lo scrupoloso lavoro di ricerca raccolto nel Catalogo ragionato dei disegni genovesi appartenenti alla collezione di uno dei più importanti musei del mondo.

Se passate per Parigi, ecco tutte le informazioni pratiche per visitare questa mostra imperdibile:

Fino al 25 settembre 2017

Rotonda Sully

Biglietto: 15 euro

Aperto tutti i giorni tranne il martedì dalle 9 alle 18. Mercoledì e venerdì fino alle 21.45

www.louvre.fr

 

Un giro di mostre a Roma :-)

Amici disegnatori, il rientro dalle vacanze porta tante belle mostre da vedere: alcune di queste sono in chiusura, dunque non perdiamo altro tempo prezioso e stendiamo subito la lista dell’arte imperdibile che ci offre la città eterna!

Iniziamo alla grande con:


PIRANESI. LA FABBRICA DELL’UTOPIA.

Avete tempo fino al 15 ottobre per visitare quella che secondo noi è davvero una mostra imperdibile: nelle sale di Palazzo Braschi si celebra il grande architetto e incisore Giovan Battista Piranesi (1720-1778), con una selezione di oltre 200 opere grafiche che ne ripercorrono la vicenda artistica.


Info utili:
Museo di Roma Palazzo Braschi
dal 16 giugno al 15 ottobre 2017
dal martedì alla domenica ore 10.00 – 19.00
Lunedì chiuso
La biglietteria chiude un’ora prima

Lo spazio espositivo al primo piano dove è allestita la mostra, non rientra nelle gratuità della prima domenica del mese.

Biglietto “solo mostra”:
– intero: € 9,00
– ridotto: € 7,00
– Speciale Scuola: € 4,00 ad alunno (ingresso gratuito ad un docente accompagnatore ogni 10 alunni);
– Speciale Famiglia: € 22,00 (2 adulti più figli al di sotto dei 18 anni);

Biglietto integrato Museo di Roma + Mostra (per non residenti a Roma):
– intero: € 15,00
– ridotto: € 11,00

Biglietto integrato Museo di Roma + Mostra (per residenti a Roma):
–  intero € 14,00
–  ridotto € 10,00

Ingresso ordinario solo Museo:
Intero € 9,50
Ridotto € 7,50
Per i cittadini residenti nel territorio del Comune di Roma (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
Intero € 8,50
Ridotto € 6,50

Libero ingresso e ingresso gratuito: per tutti nella fascia di età al di sotto dei 6 anni; ai portatori di handicap e al loro accompagnatore; alle guide turistiche dell’Unione Europea; agli interpreti turistici dell’Unione Europea quando occorra la loro opera a fianco della guida, mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorità; ai membri dell’ICOM (International Council of Museum), ai soci ICOMOS (International Council on  Monument and Sites) e ai membri degli Istituti di cultura stranieri e nazionali quali Accademia dei Lincei, Istituto di Studi Romani, Amici dei Musei di Roma, ICCROM, possessori RomaPass 72h 1° e 2° ingresso, possessori RomaPass 48h 1° ingresso.

Ingresso a tariffa ridotta: cittadini dell’Unione Europea di età compresa tra i 6 e i 25 anni; ai giornalisti previa esibizione di idoneo documento comprovante l’attività professionale svolta; agli insegnanti, RomaPass 72h dal 3° ingresso in poi, RomaPass 48h dal 2° ingresso in poi.

Ferrovie dello Stato Italiane (Sponsor del Sistema Musei in Comune): Ingresso ridotto per soci Carta Freccia in possesso di un biglietto delle frecce con destinazione Roma (biglietto emesso nei 5 gg precedenti), per dipendenti, per abbonati regionali e per possessori di un biglietto corsa semplice su treni regionali direzione Roma (emesso il giorno stesso) + un accompagnatore.

Mastercard (Sponsor del Sistema Musei in Comune):
Ingresso ridotto per Clienti Mastercard su presentazione di un voucher cartaceo o digitale che attesti che il Titolare è iscritto al programma MasterCard Priceless Cities.

Informazioni
tel 060608 tutti i giorni ore 9.00 – 19.00


CROSS THE STREETS

Il MACRO di Via Nizza ospita 40 anni di Street Art e Writing, con una panoramica sui più importanti artisti che hanno testimoniato e rappresentato questi movimenti dentro e fuori dall’Italia.


Info utili:
MACRO, MACRO Via Nizza
Dal 7 maggio al 1° ottobre 2017
Da martedì a domenica ore 10.30-19.30
Chiuso lunedì

La biglietteria chiude un’ora prima

Biglietto d’ingresso
MACRO via Nizza
– Intero: € 10,00
– Ridotto: € 8,00
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza):
– Intero: € 9,00
– Ridotto: € 7,00

Biglietto cumulativo MACRO Via Nizza + MACRO Testaccio (valido 7 gg. per 1 solo ingresso a sito)
– Intero: € 12,50
– Ridotto: € 11,50
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza):
– Intero: € 11,50
– Ridotto: € 10,50

Informazioni
Tel. +39 060608 (tutti i giorni ore 9.00-19.00)

www.crossthestreets.com


LO CHAT NOIR E I TEATRI D’OMBRE A PARIGI

Nella Casina delle Civette a Villa Torlonia, fino al 1 ottobre potrete ammirare i manifesti della Collezione Salis, le lanterne magiche, i libri, riviste, litografie, cartoline illustrate e molto altro materiale cartaceo d’epoca, appartenenti al Museo Parigino di Roma. 


Info utili:

Musei di Villa Torlonia, Casina delle Civette
Dal 22 giugno al 1 ottobre 2017
da martedì a domenica ore 9.00-19.00
La biglietteria chiude 45 minuti prima
Chiuso lunedì

Biglietto d’ingresso
Ingresso gratuito per tutti i residenti a Roma e nell’area della Città Metropolitana la prima domenica del mese

Biglietto unico integrato Casina delle Civette, Casino Nobile + mostre:
Magia della luce. Specchio e simbolo nell’opera di Lorenzo Ostuni (dall’11 marzo al 24 settembre 2017)
Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli (dal 20 maggio al 1 ottobre 2017)
Lo chat noir e i teatri d’ombre a Parigi. Influenza sull’arte illustrativa fra ‘800 e ‘900 (dal 22 giugno al 1 ottobre 2017)
€ 9,50 intero; € 7,50 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 8,50 intero; € 6,50 ridotto
             
Biglietto ordinario Casino Nobile:
Magia della luce. Specchio e simbolo nell’opera di Lorenzo Ostuni (dall’11 marzo al 24 settembre 2017)
€ 7,50 intero; € 6,50 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 6,50 intero; € 5,50 ridotto

Biglietto Casina delle Civette + mostra:
Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli (dal 20 maggio al 1 ottobre 2017)
Lo chat noir e i teatri d’ombre a Parigi. Influenza sull’arte illustrativa fra ‘800 e ‘900 (dal 22 giugno al 1 ottobre 2017)
€ 6,00 intero; € 5,00 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 5,00 intero; € 4,00 ridotto

Il biglietto è acquistabile anche con carta di credito e bancomat


Informazioni
tel 060608 tutti i giorni ore 9.00 – 19.00

YONA FRIEDMAN. MOBILE ARCHITECTURE, PEOPLE’S ARCHITECTURE

Fino al 29 ottobre nelle sale del MAXXI di via Guido Reni saranno in mostra i lavori di Yona Friedman. Una grande mostra che raccoglie disegni inediti degli anni ‘60, progetti, video e fotomontaggi del celebre architetto che realizzò a Londra nel 2016 la struttura modulare che sembrava disegnata nell’aria e si snodava nella grande Serpentine Gallery.


Info utili:

ORARIO MUSEO
Martedì e Mercoledì
11.00 – 19.00
Giovedì
11.00 – 22.00
Dal Venerdì alla Domenica
11.00 – 19.00
Giorno di chiusura
Tutti i Lunedì, 25 Dicembre, 1 Maggio
La biglietteria chiude un’ora prima del museo

Roma è la capitale del disegno

Disegnatori,

In questi giorni Roma è protagonista del disegno grazie a tre mostre da non perdere:

PERENTORIA FIGURA

CRONOTIPO

MACROMANARA

 

PERENTORIA FIGURA | Andrea Lelario, Francesco Parisi, Patrizio Di Sciullo

Invito-Perentoria-Figura-DEFINITIVO2

Perentoria figura – Istituto Centrale per la Grafica

L’incisione contemporanea vista attraverso l’opera di tre artisti che si esprimono con diverse tecniche grafiche: Francesco Parisi con la xilografia, l’acquaforte e il bulino per Patrizio Di Sciullo e Andrea Lelario. L’esposizione d’arte contemporanea dialoga (molto bene) con incisori del passato come Dürer e Beccafumi, esposti insieme ai tre artisti in un dialogo fuori tempo e di grande armonia. Mostra assolutamente da vedere, fino al 2 luglio 2017.

INFORMAZIONI:

Istituto Centrale per la Grafica – Museo dell’Istituto, via della Stamperia, 6

Dal 5 aprile al 2 luglio 2017

Apertura al pubblico  – ore 10,00 -19,00 lunedì – sabato (ultimo ingresso ore 18.30)

Aperture straordinarie al pubblico – Domenica al Museo:

7 maggio – ore 10,00 -19,00

4 giugno – ore 10,00 -19,00

2 luglio – ore 10,00 -19,00

 

CRONOTIPO | Bambi Kramer

18298338_661620124029716_1276508926556241920_n

Cronotipo – Galleria Tricromia

“Artista dalla formazione eclettica, dal restauro dei beni culturali alla laurea in psicologia clinica, Bambi Kramer nasce e lavora a Roma. Il suo lavoro si sviluppa in una modalità processuale estremamente complessa: dai disegni che si delineano di getto fino al montaggio finale tutto il lavoro segue una via dove è l’inconscio a determinare le mosse, fino a produrre un linguaggio e una vera e propria narrazione.” [http://www.060608.it]

INFORMAZIONI:

Galleria Tricromia

Via della Barchetta, 13 [ centra sulla mappa ]

Dal 12 maggio al 6 giugno 2017

Mar-ven ore 15.00-19.00

Sab ore 10.00-19.00

Chiuso domenica e lunedì

 

MACROMANARA – Tutto ricominciò con un’estate romana

locandina_MACROMANARA_post

MacroManara – La Pelanda MACRO Testaccio

“La mostra ripercorre l’intera carriera del fumettista veronese e Maestro dell’eros, Milo Manara, attraverso due percorsi principali. Da una parte una ricca proposta antologica, attraverso la quale si tracceranno tutte le grandi opere degli anni ’70, ’80 e ’90, dalle straordinarie tavole di Giuseppe Bergman a quel Tutto ricomincio con un’estate indiana che lo vide lavorare in coppia con l’amico Hugo Pratt, con il quale – successivamente – realizzò anche El Gaucho. E ancora Lo Scimmiotto, Gulliveriana, le storie del Gioco, di Miele e molto altro!

Dall’altra, la produzione più contemporanea (completa delle commission estere per Stati Uniti e Francia) e il suo rapporto con Roma e il cinema: dalla Cinecittà di Federico Fellini fino ai Borgia e Caravaggio, con una serie di illustrazioni dedicate alle grandi dive cinematografiche che vengono esposte per la prima volta andando a comporre un portfolio inedito che Comicon Edizioni presenta in anteprima all’ARF! Festival. [http://www.museomacro.org]”

INFORMAZIONI:

MACRO, La Pelanda – Centro di produzione culturale

Dal 26 maggio al 9 luglio 2017

Da martedì a domenica ore 12.30-19.30

Chiuso lunedì

Venerdì 26, giovedì 27 e venerdì 28 maggio

aperta dalle ore 10.00 alle 20.00

Biglietto d’ingresso mostra Manara:

– Intero: 10,00

– Ridotto: 8,00

La mostra non rientra nelle gratuità della prima domenica del mese

ALFREDO PIRRI | I PESCI NON PORTANO FUCILI – MACRO TESTACCIO ROMA

P_20170507_154203_1.jpg

Quello che avanza – Alfredo Pirri 2017

Avete tempo fino al  4 giugno per visitare la straordinaria mostra I pesci non portano fucili, la prima antologica dedicata all’artista Alfredo Pirri.

Nell’opera di Pirri, l’arte è in relazione costante con l’aP_20170507_154546_1.jpgmbiente e con il fruitore, sfruttando al massimo la materia di cui l’opera stessa è composta. Il suo lavoro spazia infatti dalla pittura alla scultura, dai lavori su carta a quelli ambientali.

All’ingresso del padiglione del MACRO TESTACCIO la prima sorprendente opera ad accoglierci è l’installazione murale delle cianotipie, Quello che avanza (2017), una serie di 144 stampe. Ma certamente quello che colpisce di più in questo artista è la capacità di sfruttare la natura stessa dell’opera amplificandone la sua presenza nello spazio. Un esempio di questo sono le sculture a base dipinta che si riflettono sulle pareti bianche. Il colpo d’occhio le intercetta come delle sculture a neon, eredità culturale del dinamismo della Op-Art. In realtà, queste opere viste da vicino scardinano all’improvviso tutti gli intellettualismi forzati dell’arte dei grossi mezzi, facendoci soffermare sullo stupore della semplicità.

Lo stesso concetto è portato avanti con assoluta convinzione nell’installazione site-specific La Stanza di Penna (1999), opera in cui una rassegna di copertine di libri bianchi si irradiano reciprocamente del colore dei propri contenuti. Un’opera quella di Pirri sempre rivolta all’esistenza, dell’oggetto d’arte in sé e per gli altri, in relazione all’ambiente a alle persone.

Una mostra che torna all’empatia come origine della conoscenza. Intelligente, interattiva, sorprendente. Curata egregiamente da Benedetta  Carpi De Resmini e Ludovico Pratesi.  Da non perdere.

 

Leonardo e Michelangelo ai Musei Capitolini fino al 7 Maggio

18198248_10154870860214219_4536462266367243024_n

Leonardo e Michelangelo ai Musei Capitolini

No, non è una mostra che mette i due geni a confronto, sono proprio due mostre diverse. I Musei Capitolini ospitano Leonardo e il volo (alla sua seconda proroga) e Michelangelo, capolavori ritrovatiNoi del Drawing Lab siamo andati a visitarle entrambe e ve le consigliamo vivamente.

Si parte con Michelangelo, nella Sala degli Arazzi del Palazzo dei Conservatori: in mostra, due disegni ritrovati nel retro di due opere già realizzate dal grande artista. L’esposizione, curata dalla presidente di Casa Buonarroti, Pina Ragionieri, mette a confronto i due eventi salienti che hanno riguardato il ritrovamento del “Sacrificio di Isacco” (per la prima volta mostrato al mondo) e quello di “Cleopatra”, nel “verso” dei due fogli. Per scoprirli, sono state necessarie delle raffinate quanto accurate operazioni di restauro, che hanno consentito di rubare questi due capolavori, nascosti dietro un fondo di cartone, all’oblio.

Non serve essere appassionati di disegno, per provare davanti a queste opere e alla loro storia una fortissima emozione, complice anche un allestimento sobrio, diretto e all’altezza delle aspettative, che con la sorpresa tipica dei bambini ci consente di girare intorno al recto e al verso più e più volte.

Nelle sale di Palazzo Caffarelli invece, scopriamo (per la prima volta a Roma) il Codice sul volo degli uccelli di Leonardo da Vinci: la raccolta di tutti i suoi studi e intuizioni in disegni e annotazioni, conservati in penombra e sotto vetro, come è giusto, ma che vengono arricchiti dall’esperienza multimediale in 3D, che nei nostri musei sembra essere sempre di più una formula vincente.

Avete dunque a disposizione un’altra settimana per poter apprezzare i disegni dei due geni dell’arte: per i residenti a Roma il costo è ridotto a 13 euro per visitare sia i Musei Capitolini, che le due mostre. Tutti e tre gratuiti nella prima domenica del mese, che sarà proprio il 7, giorno di chiusura della mostra.

DA POUSSIN A CÉZANNE. Capolavori del disegno francese dalla collezione Prat – Dal 18 Marzo al 4 Giugno 2017

poussin cezanne

Comunicato – Fonte: Museo Correr

Esposto al Museo Correr un eccezionale nucleo di 110 raffinatissimi disegni provenienti da una della più importanti raccolte private francesi, la collezione di Louis-Antoine e Véronique Prat, che riunisce tutti i grandi maestri dal XVII al XIX secolo, da Poussin e Callot a Seurat e Cézanne.

Dopo la grande mostra ‘La poesia della Luce’ (dicembre 2014 – marzo 2015), che presentava un nucleo di straordinari disegni veneziani dalle collezioni della National Gallery di Washington, si rinnova al Museo Correr la felice tradizione di presentare al pubblico grandi capolavori su carta.

Iniziata oltre quarant’anni fa, la collezione Prat è sicuramente una delle più importanti raccolte private europee di disegni antichi. È fiorita con lo scopo di illustrare l’evoluzione della grafica francese in un arco cronologico che abbraccia oltre tre secoli, da Poussin a Cézanne, attraverso una scelta di circa 230 fogli, 110 dei quali sono esposti in mostra. Il disegno si conferma così, dal punto di vista degli studi della storia dell’arte, una delle espressioni più alte che un artista possa lasciare a testimonianza della sua opera. Netto, incisivo, ricco di dettagli, o, viceversa, rapido, di getto, senza controllo e pentimenti, esso costituisce il ‘diario’ più intimo dell’artista che, grazie alla libertà che questa tecnica consente, proprio alla sua immediatezza affida gli umori più autentici del suo estro creativo.

Nata dalla collaborazione con la Fondation Bemberg di Tolosa, con il supporto di Alliance Française-Venezia e curata da Pierre Rosenberg, già direttore del Louvre e massima autorità nel campo della pittura francese di quel periodo, la mostra, presentata prima al Museo Correr di Venezia per poi approdare alla Fondation Bemberg di Tolosa, attesta la vitalità della collezione, che negli ultimi anni si è arricchita di una ventina di pezzi qui esposti qui per la prima volta.

La mostra è accompagnata da un ricco catalogo edito da Magonza (Arezzo, 2017), a cura di Pierre Rosenberg, con interventi di Gabriella Belli, Philippe Cros, Louis-Antoine Prat e Pierre Rosenberg.

A cura di Pierre Rosenberg

Mostra co-prodotta con Tolosa, Fondation Bemberg e con il supporto di Alliance Française, Venezia