TENERE UNO SKETCHBOOK

lisboa-bridge

“Non viaggio mai senza il mio diario. Si dovrebbe avere sempre qualcosa di sensazionale da leggere in treno.” [Oscar Wilde]

E’ opinione comune pensare che tenere uno sketchbook sia qualcosa destinato esclusivamente a grafici, artisti e disegnatori, ma non è così. Al corso suggeriamo sempre di tenerne uno, perché può darvi la possibilità di tenere un diario per immagini e la possibilità di disegnare quando avete voglia, tenendolo sempre in tasca o nella borsa.

Oggi ce ne sono moltissimi in commercio, primo fra tutti il celebre Moleskine, citato nelle “Vie dei Canti” (The Songlines) di Chatwin, che racconta del suo fornitore di taccuini neri a Rue de l’Ancienne Comédie a Parigi. Pagine a grana diversa, copertine rigide, morbide, con rilegatura a spirale (comodissima!), alcuni bellissimi e francamente costosi, ma di base bastano tre o quattro euro per iniziare questa bella avventura disegnata, che vi consentirà di disegnare in modo deresponsabilizzato, senza troppe ansie: ricordiamoci che uno sketchbook è prima di tutto un blocchetto di disegni rapidi, emotivi, talvolta neanche finiti ed il bello è proprio quello. Il taccuino offre la possibilità di confrontarsi con una sfera principalmente emotiva, e quando si è in viaggio può essere molto interessante portarsi a casa “l’impressione del viaggio”, oltre le immagini fotografiche.

Grandi artisti (e non solo, anche scrittori) hanno fatto del proprio taccuino un arte, da Oscar Wilde a Vincent Van Gogh, a Hemingway, solo per citarne pochissimi, proprio perché si sa, la creatività quando arriva arriva, e certe volte vale proprio la pena non perdere l’occasione di annotarsi qualcosa, che sia questo un disegno, una frase, o uno scontrino di un bar da allegare per ricordo.

Gli Urban Sketchers si incontrano proprio perché hanno fatto del proprio sketchbook una forma di espressione, e in questo articolo vi proponiamo qualche immagine “rubata” che può descrivere molto bene il grande livello che si può raggiungere. La regola di base è che l’unico modo per imparare a disegnare, è disegnare.

Di recente, su questo blog abbiamo recensito il libro Sketchbook, uscito nelle librerie non molto tempo fa, che illustra benissimo gli approcci più diversi che si possono avere per tenerne uno, e sicuramente è una fonte di grandi spunti, se avete intenzione di iniziare.

 

Fonte immagini:

emilydibuja.blogspot.com

urbansketchers.com

Annunci

Un pensiero su “TENERE UNO SKETCHBOOK

  1. Pingback: COME RENDERE CREATIVO UNO SKETCHBOOK? | 24H DRAWING LAB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...